Libri e Quaderni pubblicati dall’associazione Viottoli

Comunità cristiana di base di Pinerolo, PREGHIERE EUCARISTICHE VOL. 2°
2006, pag. 168 – Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

Le preghiere eucaristiche raccolte in questo secondo libro sono nate nella nostra comunità cristiana di base negli ultimi 18 anni; la sua caratteristica principale è quella di essere composta da canoni realizzati dai quattro gruppi di lettura biblica settimanali in occasione di feste, celebrazioni di Natale, Pasqua, matrimoni, convivenze… o domeniche qualunque. E’ una raccolta molto parziale; non si tratta di preghiere “belle” o “esemplari”. Sono semplicemente i canoni che abbiamo composto e usato in comunità. A turno, ogni settimana, uno dei gruppi biblici della comunità (oppure una persona singola, in talune ricorrenze) sceglie i testi biblici su cui svolgere la predicazione, prepara la predicazione stessa (a due, tre, quattro voci…) e costruisce tutta la celebrazione liturgica. Dopo la predicazione si lascia uno spazio consistente ai liberi interventi dei fratelli e delle sorelle. Si tratta di un momento per noi molto importante, in cui ci poniamo in ascolto reciproco davanti a Dio. (…)
Dopo oltre trent’anni di percorso si è venuta ulteriormente accentuando, nelle nostre eucaristie, la berakah, cioè la dimensione della benedizione-lode-ringraziamento a Dio. Vorremmo che essa invadesse anche i giorni feriali. Uno dei connotati più vistosi di queste nostre preghiere è dunque la nostra benedizione al Signore: benedire Dio si intreccia profondamente con il nostro liberarci e liberare… è qualcosa che ci fiorisce dentro continuamente, adagio adagio, nonostante tutte le miserie, le violenze, le mediocrità, le assurdità con cui facciamo i conti molto concretamente ogni giorno, dentro e fuori di noi. Quanto più si diventa laici nel nostro agire tanto più avvertiamo l’esigenza di alimentare le sorgenti della preghiera. Proprio quando ci si congeda dallo spiritualismo diventa più importante e urgente costruirsi una spiritualità, darsi uno spessore spirituale. (…) Le nostre eucarestie ci legano molto alla vita quotidiana. L’emozione non è fatta per fuggire dalla terra, ma per abitarla con maggiore consapevolezza e per accogliere i nostri giorni con la felicità di cui sono portatori e con le difficoltà che stanno dentro il tessuto della vita politica, sociale, personale. Come la donna di Samaria, veniamo ad attingere acqua al pozzo per poi averne per noi, per gli altri e le altre nei giorni altalenanti delle nostre settimane.

|

QUADERNO DI VIOTTOLI N°7
Comunità cristiana di base di Pinerolo, UNA COMUNITA’ CHE GUARDA AVANTI
2005, pagg. 96 – Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

“Lo spettacolo idolatrico di un potere che si traveste da inviato di Dio vuole spegnere in noi la fiducia in un “mondo altro” da progettare e costruire passo dopo passo. L’impero che propaganda se stesso come universale, imbattibile e invincibile in realtà ha i piedi d’argilla. Noi rischiamo di restare paralizzati e imbambolati dai suoi proclami e dalla potenza del mercato. (…) Il cammino è davvero tanto lungo. Come non pensare al profeta Elia (I Re 19, 1 – 8) che è tentato di fermarsi e chiudere la partita? Un altro mondo è possibile se, come Gesù, restiamo fedeli alla terra, al creato, al popolo povero. Una fedeltà che non può non tradursi in resistenza e progetto. Non abbiamo da custodire il guscio vuoto di una “civiltà cristiana” i cui padroni parlano in nome di Dio, ma non ascoltano la parola di Dio. Come credenti, “discepoli/e della via”, (Atti 9, 2) possiamo resistere al potere e “danzare la vita”, se ci rigeneriamo continuamente alle fonti della Scrittura. Anche la nostra comunità cristiana di base desidera portare qualche mattone alla costruzione di un “mondo altro” e di una “chiesa altra”. Queste pagine non segnalano un cammino esemplare, ma si prefiggono di accennare ad una ricerca in corso, con la fiducia e la speranza di chi riceve ogni giorno l’attenzione affettuosa e la compagnia stimolante di tanti fratelli e sorelle. Solo per questo possiamo guardare avanti”.

|

QUADERNO DI VIOTTOLI N°6
Franco Barbero, PERCHE’ RESTO… (Elementi per una proposta di ecclesiogenesi)
2003, pagg. 80 – Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

” Nel cammino quotidiano, nella piccolezza e nella fragilità, stiamo cercando di imparare a costruire con passione e perseveranza sentieri di giustizia nel mondo e nella chiesa. Ho la speranza che Dio mi aiuti ancora ad ascoltare e imparare ogni giorno, a vivere con fiducia le sfide di questo nostro tempo. Un evidente nesso logico lega le prime due parti dove si tenta, dopo la documentazione, una riflessione teologica. Ma perché riportare, nella terza parte, la riflessione “Senza chiedere il permesso” elaborata rispetto alla libertà dei gay e lesbiche credenti? La nuova coscienza ecclesiale non si forma soltanto e principalmente nei laboratori teologici e nei libri, ma nasce e si sviluppa nei terreni concreti del vivere quotidiano. Uno dei “luoghi” in cui in questi anni la teologia e la pratica pastorale hanno generato novità sostanziali è l’esperienza di fede delle persone omosessuali. Questi fratelli e sorelle in numero crescente stanno imparando a vivere la loro realtà e la loro fede sotto il sorriso di Dio “senza chiedere permesso”. Né meno rilevante è la riflessione su un prossimo eventuale concilio ecumenico. Esso non potrà più essere la sola convocazione di vescovi. I vescovi non rappresentano più adeguatamente le chiese locali che sono fatte di più voci ed esigono più espressioni. In appendice ho anche inserito alcune pagine sulle direttrici del mio ministero. Accennando ad alcuni miei percorsi, intendo piuttosto stimolare alla creatività, all’invenzione dei tanti “modi” possibili di vivere la ministerialità nella chiesa”.

|

QUADERNO DI VIOTTOLI N°5
Elena Erzegovesi, Alberto Stucchi, PRIMA DI TUTTO AMARE
2003, pagg. 52 – Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

La storia d’amore di Alberto ed Elena, nata nel monastero cistercense di Chiaravalle: una bella notizia di riconciliazione tra monachesimo e amore umano. Un conflitto tra libertà d’amare e leggi ecclesiastiche. Una scelta tra il Vangelo e il diritto canonico. Che senso ha questa “storia d’amore” qui semplicemente raccontata? Pensiamo che questi tempi abbiano bisogno di tanti racconti d’amore per mantenere aperti sentieri di fiducia, di gioia e di speranza anche per compensare i troppi silenzi scelti o imposti. E soprattutto perché, radicati/e nella testimonianza biblica, scopriamo sempre con meraviglia che Dio semina amore e lo fa crescere ovunque, nonostante le repressioni dei poteri politici e religiosi e nonostante i nostri personali egoismi. Ogni momento è buono per raccontare una storia, specialmente se è storia vissuta.

|

QUADERNO DI VIOTTOLI N°4
Franco Barbero, Imma Battaglia, Tolmino Mazzinelli, TONIFICANTI PROFUMI DI ERESIA
2001, pagg. 64 – Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

– Tolmino Mazzinelli ci introduce al pensiero di padre Tissa Balasuriya presentando alcune riflessioni sul libro inedito in Italia “Mary and human liberation”
– Relazioni, documenti ed interventi della due giorni di spiritualità tenutasi a Pinerolo il 19 e 20 gennaio 2001: “Amore e libertà – gay e lesbiche in cammino nella società e nelle chiese”
– Franco Barbero: “Una tradizione plurale” alcune considerazioni teologiche sull’opera di Giorgio Biandrata

|

QUADERNO DI VIOTTOLI N°3
Carla Galetto, Doranna Lupi, Luisa Bruno, NEL SEGNO DI RUT
2000, pagg. 68 – Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

Questo “Quaderno di Viottoli” è frutto di una scelta comunitaria.Innanzitutto il desiderio e la scelta di Carla, Doranna e Luisa di dedicarsi alla conoscenza e allo studio delle teologie femministe. I loro percorsi differenti le hanno condotte ad unire le energie per presentare, un sabato pomeriggio, a uomini e donne della comunità cristiana di base di Pinerolo una sintesi ragionata della loro ricerca: le teologie femministe in ambito cristiano. L’argomento è consapevolmente circoscritto, eppure ha rappresentato e rappresenta per molti e molte una assoluta novità.Così è nata, spontaneamente, la richiesta di poter leggere con calma e attenzione quanto ci avevano offerto a voce quel giorno, per poterci tornare su e per permettere ad altri e altre di avvicinarsi all’altra metà della teologia. Con questa avvertenza, che forse non è ancora superfluo richiamare: non esiste più, se mai è esistita, la teologia. Neppure possiamo limitarci a riconoscere la diversa sensibilità femminile nell’approccio alla teologia. Riconosciamo ed accogliamo con gioia la libertà di ogni figlio e di ogni figlia di Dio a riflettere, confrontarsi, elaborare ed offrire il risultato della propria ricerca, a mano a mano che essa si sviluppa. E la libertà di ognuno e di ognuna a interloquire e dissentire, rispettando con coerenza la grande ricchezza costituita dalle differenze.

|

QUADERNO DI VIOTTOLI N°2
Carlo Mario Maria Bolchi, FORTE COME LA MORTE E’ AMORE
1999, pagg. 48 – Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

L’autore rilegge i passi biblici che solitamente vengono ricondotti alla tematica della “indissolubilità del matrimonio cristiano”. Una interpretazione rigorosa, storica e contestuale rimette al centro la libertà che Dio ha dato ai suoi figli e alle sue fìglie contro le soffocanti rigidità della legislazione canonica. Le pagine che presentiamo sono documentate, coraggiose e appassionate. L’autore riscopre nelle origini cristiane e rilancia a noi la felice possibilità che le Scritture testimoniano: andare oltre l’amore perduto o fallito e sentire la vicinanza di Dio e della comunità cristiana nella eventuale ricostruzione di un nuovo amore.
Questo Quaderno ospita riflessioni e ricerche nate in aree culturali ed ecclesiali a noi vicine. Questa diversità che ospitiamo molto volentieri è evidente sul terreno cristologico e trinitario, sul quale l’autore si muove con una sensibilità diversa dalla nostra. Ma il plurale, nelle teologie e nelle prassi ecclesiali, è per noi un arricchimento: l’unità della fede non è favorita dall’uniformità, ma cresce e si sviluppa come un giardino che fiorisce e profuma se i fiori sono molti.

|

QUADERNO DI VIOTTOLI N°1
Franco Barbero, LE MAMMELLE DI DIO
1998, pagg. 58 – Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

Attraverso le pagine di questo primo fascicolo della serie “Quaderni di Viottoli, l’autore si propone di “ricordare ancora una volta ai nostri cuori che Dio non cessa di accompagnarci come insonne custode (Salmo 121) del creato, come madre amorosa, come ombra che ci conforta nelle arsure, come luce per i nostri passi e calore per i nostri cuori. Mentre germinano sempre nuove idee di umanità, donde attingeremo la forza per tradurle in atto? Chi nutrirà i nostri cuori per renderli caldi e aperti all’oggi e al domani? Chi darà lucidità, ostinazione e perseveranza al nostro impegno solidale? Chi darà gioia ai nostri giorni? Chi ci slegherà da tante catene e ci farà ancora scoprire cieli e terre nuove in cui abita la giustizia? Chi “potrà godere senza di lui?” (Qohelet 2,25) non soltanto le gioie del vivere quotidiano, ma anche i nuovi orizzonti di fraternità e di sororità universali che si aprono a livello planetario? Chi ci darà l’intelligenza e la forza per smascherare e rifiutare l’adorazione al “dio mercato”?”

|

LIBRI

Franco Barbero, OLIO PER LA LAMPADA, 2004  (450 KB)
Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

Franco Barbero, L’ULTIMA RUOTA DEL CARRO, 2001  (500KB)
Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

Franco Barbero, IL DONO DELLO SMARRIMENTO, 2000  (1.3 Mb)
Disponibile gratuitamente in formato *.pdf

Franco Barbero, IL GIUBILEO DI OGNI GIORNO, 1999  (1.5 Mb)
Presto disponibile gratuitamente in formato *.pdf